In primo luogo l’Unione Europea deve realmente autorizzare l’Italia a pagare il proprio debito commerciale. Come è successo per la Spagna, a esempio, che ha potuto indebitarsi per 35 miliardi. Penso che il governo italiano non abbia saputo offrire le proprie buone ragioni, eppure era quanto ci si aspettava da questo governo. Ci troviamo ancora a subire le restrizioni del commissario Rehn che parla di una possibile procedura di deficit eccessivo se non verrà rispettato il tetto del 3 per cento. Ma, dico, quando i tempi di pagamento superano i 200 giorni in media, talvolta l’anno, di cosa parliamo se non di un debito pubblico? Non contabilizzarlo non serve: è solo un raggiro.

A 6 persone piace questo articolo.
Condividi articolo:
  • email
  • Facebook
  • Twitter
  • del.icio.us
  • Digg
  • Technorati
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn

3 Commenti

RSS
  1. Ezio Ghidini citro dice:
    30 marzo 2013 alle 19:35

    Siamo educati ed ospitali con tutti quelli che vengono in Italia in particolare in Campania e nelle nostre isole.
    Siamo ospitali anche con chi si crede di essere superiore e vuole imporre la sua volontà per sottomettere e distruggere l’economia di una nazione per poi approfittarne.
    Personalmente gentilissima Signora Merkel Lei non mi è molto simpatica , anche perché nonostante sono passati 70 anni voi tedeschi non siete cambiati.
    Volete dimostrare la vostra inesistente superiorità che, quasi sempre si ritorce contro di voi facendovi precipitare nel baratro ( 1945)
    Personalmente credo che l’abbattimento del muro di Berlino è stato un errore per noi e per voi, non avete imparato nulla, specialmente Lei che, proviene dalla DDR
    Non sopportate che, qualcuno non è come voi .
    L’Europa per fortuna non è formata solo dalla Germania, ma da molte altre nazioni
    Lei ha approfittato in questi ultimi tempi perché l’Italia ha avuto la disgrazia di mandare al governo un professore che, ha dimostrato non solo di non capire nulla di economia ma di essere il suo servitore , quello delle multi nazionali , delle banche e dei grandi speculatori di oltre oceano.
    Personalmente non credo a questa Unione Europea cosi come é.
    Mi auguro che il Popolo italiano sappia trarre le proprie conclusioni.
    Nel frattempo si goda le vacanze nella nostra bella isola, sperando che apprenda qualcosa da noi.

  2. renato d'aria dice:
    31 marzo 2013 alle 15:39

    Stefano,non abbiamo bisogno della Merkel .Devono Capire che non c’è EUROPA senza ITALIA. QUINDI vogliamo rispetto . Altrimenti li lasciamo al loro destino (fallimentare). L’ITALIA NON HA BISOGNO DI NESSUNO.

  3. Comunità Campana dice:
    1 aprile 2013 alle 18:36

    Chiedere aiuto alla Merkel? Il nostro Governo ha mal governato.

Lascia un Commento

Web Analytics